Italia Eventi 24
LinguaIT
“Ferite a morte” di Serena Dandini al Teatro Verdi di Sassari
"Ferite a morte" nasce come un progetto teatrale sul femminicidio scritto e diretto da Serena Dandini
06/05/2014

Metti in evidenza il tuo evento

Evidenza Facebook

Ferite a morte di Serena Dandini con Lella Costa,Orsetta De’ Rossi,Rita Pelusio,Giorgia Cardaci

http://www.feriteamorte.it/
PREVENDITA c/o biglietteria Le Ragazze Terribili Via Tempio 65 Sassari
Posto unico numerato €25,00 + d.p.
Loggione €12,00 vendibile esclusivamente il giorno di recita
Per info 0792822015 – http://www.leragazzeterribili.com/biglietteria/ info@mabteatro.com
"Ferite a Morte" nasce come un progetto teatrale sul femminicidio scritto e diretto da Serena Dandini,una antologia di monologhi sulla falsariga della famosa Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master costruita con la collaborazione di Maura Misiti,ricercatrice del CNR.

I testi attingono alla cronaca e alle indagini giornalistiche per dare voce alle donne che hanno perso la vita per mano di un marito,un compagno,un amante o un “ex”. L’evento teatrale,in cui numerose donne illustri e note al grande pubblico danno voce a un immaginario racconto postumo delle vittime,vuole essere un’occasione di riflessione,un tentativo di coinvolgere l’opinione pubblica,i media e le istituzioni.

“Tutti i monologhi di ‘Ferite a morte’ – spiega Serena Dandini – ci parlano dei delitti annunciati,degli omicidi di donne da parte degli uomini che avrebbero dovuto amarle e proteggerle. Non a caso i colpevoli sono spesso mariti,fidanzati o ex,una strage familiare che,con un’impressionante cadenza,continua tristemente a riempire le pagine della nostra cronaca quotidiana. Dietro le persiane chiuse delle case italiane si nasconde una sofferenza silenziosa e l’omicidio è solo la punta di un iceberg di un percorso di soprusi e dolore che risponde al nome di violenza domestica. Per questo pensiamo che non bisogna smettere di parlarne e cercare,anche attraverso il teatro,di sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica”.

“Ferite a morte” ha debuttato a Palermo il 24 novembre scorso,alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne,e successivamente ha fatto tappa a Bologna,Genova,Milano,Firenze,Roma,Torino,passando per il festival del Giornalismo d’Inchiesta di Marsala e il salone del Libro di Torino.

Tutti gli eventi teatrali sono stati occasione di sostegno alla rete D.i.Re,che accorpa tutti i centri antiviolenza in Italia,e alla Convenzione NO MORE! che chiede al Governo e alle istituzioni italiane di discutere urgentemente le proposte in materia di prevenzione,contrasto e protezione delle donne dalla violenza maschile.
Dopo quindici eventi ‘sold out’ nelle più grandi arene italiane,con l’autunno 2013 “Ferite a morte” prende due strade: un tour internazionale che approderà all’Onu a New York,nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne,e farà tappa anche a Washington,Bruxelles e Londra; contemporaneamente partirà una tournée sul territorio nazionale che esordirà il 25 ottobre dal Teatro Corsini di Barberino del Mugello per poi proseguire,con un calendario serratissimo con quasi cinquanta appuntamenti,lungo tutto lo Stivale.

Da gennaio 2013 “Ferite a morte” è anche un libro edito da Rizzoli,balzato in pochi giorni in cima alle classifiche dei lettori. Il volume raccoglie tutti i testi prodotti per il palcoscenico ed è arricchito da una sezione dedicata alla descrizione del fenomeno del femminicidio,particolarmente curata da Maura Misiti.

Non solo: oggi Ferite a morte è anche un blog che raccoglie e diffonde notizie sul tema della violenza alle donne,informazioni sui centri di accoglienza,segnalazioni di progetti messi in atto dai sostenitori per avviare buone pratiche in materia,storie,appuntamenti,iniziative nate sulla scia dei testi di Serena Dandini.

Al blog sono associati una pagina Facebook e un profilo Twitter,utili da un lato a rendere virale la diffusione dei contenuti,dall’altro a concentrare in quel luogo virtuale una comunità di uomini e donne uniti dalla necessità e dall’urgenza di questa battaglia di civiltà.

Il femminicidio
La parola femminicidio ha origini molto recenti: solo nel 1992 Diana Russel,con il termine “femmicidio”,ha definito una violenza estrema da parte dell’uomo contro la donna «perché donna». Subito dopo è stata la messicana Marcela Lagarde a battezzare quello stesso fenomeno con la parola ‘femminicidio’. Secondo l’ultimo rapporto annuale delle Nazioni Unite,presentato dalla relatrice speciale Rashida Manjoo il 25 giugno 2012,“a livello mondiale,la diffusione degli omicidi basati sul genere ha assunto proporzioni allarmanti”. Tali omicidi,prosegue il rapporto,sono “culturalmente e socialmente radicati,continuano ad essere accettati,tollerati e giustificati,laddove l’impunità costituisce la norma”. Gli omicidi basati sul genere si manifestano in forme diverse ma ciò che accomuna di più tutte le donne del mondo è proprio l’uccisione a seguito di violenza pregressa subita nell’ambito di una relazione d’intimità.

Queste morti “annunciate”,vengono spesso etichettate come i soliti delitti passionali,fattacci di cronaca nera,liti di famiglia. Le donne muoiono principalmente per mano dei loro mariti,ex-mariti,padri,fratelli,fidanzati o amanti,innamorati respinti. Insomma per mano di uomini che avrebbero dovuto rappresentare una sicurezza.

I numeri in Italia sono impietosi: muore di violenza maschile una donna ogni due o tre giorni. Ma questi sono appena un’approssimazione: non esiste,infatti,un monitoraggio nazionale che metta insieme i dati delle varie associazioni con gli sforzi dei volontari fai-da-te e con quelli delle istituzioni che a diverso titolo hanno a che fare con la violenza contro le donne: quando non si conosce un fenomeno o addirittura lo si disconosce è impossibile affrontarlo. Le reti di servizi e i centri antiviolenza si prodigano con determinazione,ma altrettanta fatica,perché sono pochi in numero e hanno finanziamenti a goccia dagli enti locali e dallo Stato.

L’11 maggio del 2011 il Consiglio d’Europa ha varato la Convenzione di Istanbul,il primo strumento giuridicamente vincolante per gli stati in materia di violenza sulle donne e violenza domestica.
Al suo interno sono espresse misure per la prevenzione della violenza e per la protezione delle vittime,oltre ai procedimenti penali per i colpevoli; la convenzione,inoltre,definisce e criminalizza le diverse forme di violenza contro le donne tra cui il matrimonio forzato,le mutilazioni dei genitali femminili,lo stalking,le violenze fisiche e psicologiche e la violenza sessuale.

Ventinove Paesi hanno firmato la convenzione di Istanbul, compresa l’Italia,ma solo quattro l’hanno ratificata. L’entrata in vigore è condizionata dalla ratifica di almeno dieci Paesi,di cui otto appartenenti all’Unione Europea

In Italia il 25 novembre scorso,giornata internazionale contro la violenza sulle donne, una cordata di diverse associazioni unite per affrontare l’emergenza femminicidio in Italia,ha presentato la convenzione NO More! una proposta politica unitaria che richiama le istituzioni alla loro responsabilità e agli atti dovuti,per ricordare che tra le priorità dell’agenda politica,la protezione della vita e della libertà delle donne non può essere dimenticata e disattesa.

Organizzazione

info@mabteatro.com
0792822015


MABTEATRO

17 eventi pubblicati

0 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

Meteo

Min. °C
Max. °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
/ °C
Il Meteo.net

# Altri Eventi

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

E24 S.r.l. P.iva 03760860928

SardegnaEventi24 è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Sassari al n.1 del 16/04/2018

Registrazione Tribunale di Sassari n°8 del 09/08/2010

Sede Legale: Via S. Sonnino 128 - 09127 Cagliari Italy

Sede Operativa: Piazza del Comune, 6 - 07100 Sassari Italy - Tel. +39 079 291662

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español