foto rid 2

Si alza il sipario sulla prima edizione del Festival “Teatro Per Famiglie 2023” organizzato dall’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno sotto la direzione artistica di Betty Oro, che dal 29 ottobre al 3 dicembre 2023 propone negli accoglienti spazi del Move The Box in Via Indipendenza,1 a Villa Verde (OR), una rosa di sei incantevoli spettacoli dedicati ai più piccoli e ai loro familiari. Grazie al contributo del comune di Villa Verde prende il via un cartellone pensato per riunire vecchie e nuove generazioni attorno all’arte teatrale come momento di svago e divertimento, ma anche per donare un’ occasione di crescita, riflessione, stimolo creativo ed emozionale ai bambini. Un obiettivo che Palazzo d’Inverno persegue con successo da tempo, creando eventi e contesti in cui i più piccoli possano avvicinare con curiosità il mondo dello spettacolo in maniera attiva, partecipata e tornare a casa con un prezioso bagaglio di emozioni ed esperienze.

Apre il Festival  domenica 29 ottobre alle ore  16,45 Il Teatro del Segno con “Rodari…per tutto l’anno – viaggio tra le pagine di Gianni Rodari” di e con Alessandra Leo e Stefano Ledda e con Tancredi Ermanno Emmi al contrabbasso. Giocando con il titolo del celebre “Filastrocche per tutto l’anno”, e incontrando di volta in volta la vastissima produzione letteraria di Gianni Rodari, dal libro degli errori, alle Filastrocche in cielo e in terra passando per le Favole al telefono, l’animazione spettacolo i basa su alcuni dei più significativi scritti di un autore che accanto a pochi altri quali Andersen, Grimm e Calvino, fa parte della grande tradizione della fiaba popolare d’autore. “Rodari … per tutto l’anno”, propone una selezione ragionata di brani, ai quali due attori, portando in scena l’eterno gioco del saggio e dello sciocco, dell’incapace e dello svampito, daranno interpretazione e vita, coinvolgendo il pubblico, in un’ alternanza di scherzi, letture drammatizzate, incespicando, cantando, mimando e improvvisando. Conducendo il pubblico in un viaggio gioco divertito e divertente tra le storie, le favole, le filastrocche, il mimo e la clownerie. Il viaggio del pubblico è animato inoltre dalla musica giocosa e complice del contrabbasso di Tancredi Ermanno Emmi che “giocherellerà” con gli attori per divertire il pubblico di tutte le età.

Si prosegue sabato 4 novembre alle ore 17.00 con “Bianca come la Neve”  dell’Effimero Meraviglioso che vede sul palco Michela Cidu e Federico Nonnis, costumi di Attilio Carota, scena e regia di Antonello Santarelli. Dalla famosissima fiaba dei fratelli Grimm, uno spettacolo dove si indagano le varie forme del teatro per ragazzi. Due attori in scena che, di volta in volta, danno vita ai vari personaggi e utilizzano le varie forme espressive: dalla grande figura, al burattino, alle ombre, alla maschera, in uno spazio scenico che diventa una sorta di baraccone delle meraviglie di gusto da commedia dell’arte. Così con invenzioni sceniche che sorprendono lo spettatore (l’apparizione insolita dei sette nani, ad esempio), incursioni improvvise e inaspettate  (quella del lupo che vuole a tutti i costi essere inserito nel cast perché…. anche lui ha diritto di lavorare), o con la figura del cacciatore un po’ ingenuo, un po’ cialtrone ma divertente e in fondo di buon cuore, si assiste ad uno spettacolo molto dinamico, a volte pirotecnico dove i due attori non hanno tregua per dar vita ai tanti personaggi che animano la storia.

Sabato 18 e domenica 19 novembre alle ore 17.00 il Festival  “Teatro Per Famiglie 2023” ospita, direttamente dalla Puglia, la Compagnia Molino D’Arte che da anni si muove in tutto il territorio nazionale con un raffinatissimo repertorio teatrale dedicato ai bambini. Al Move The Box presenta “Peter Pan”, liberamente tratto dall’opera di James Matthew Barrie con Filippo Giordano, Angela Borromeo, Nicola Cifarelli e Amos Mastrogiacomo.  Scene di Rosa Guglielmi, testo di  Antonella Petrera per la regia di Antonello Arpaia. Si tratta di una rivisitazione originalissima e dai dettagli inaspettati della famosa fiaba, che conduce i più piccoli in un’ avventura in cui le scelte personali e la creatività portano verso un quotidiano che può diventare fantastico a qualsiasi età. Comicità e dialoghi brillanti, effetti scenici e suggestioni immaginarie trascinano lo spettatore in un viaggio favoloso, tra situazioni inconsuete e paradossali.

Sabato 25 novembre alle ore 17.00 ancora l’Effimero Meraviglioso in scena con “Cenerentola” che vede sul palco Michela Cidu, Elisa Giglio e Annalisa Serri diretti da Federico Giaime Nonnis. Tutti conoscono la fiaba di Cenerentola, la ragazza costretta a pulire, riordinare e ubbidire alla matrigna e alle sorellastre e che, alla fine, ha il riscatto attraverso il matrimonio con il principe.  Non è così per la nostra Cenerentola. Ha sì due sorellastre prepotenti e antipatiche, una matrigna teledipendente e fannullona, ma anche due topi amici, uno chef e l’altro stilista, che la consolano e la aiutano nei momenti difficili.  E poi compare lui , il principe: un tipo un po’ fuori dalle righe, tutto muscoli e proteine. Neanche a dirlo: si incontrano, ballano; lui, a modo suo, si innamora, la chiede in sposa, ma… E qui cambia la storia. Cenerentola è una ragazza che vuole viaggiare, conoscere il mondo, essere indipendente. Ciao ciao sorellastre (adesso cavatevela da sole!) ciao ciao matrigna perfida e odiosa (adesso prenditela con qualcun altro!) ciao ciao principe vanesio… Cenerentola inizia a vivere!

Il Festival si conclude infine domenica 3 dicembre alle ore 17.00 con la Compagnia Teatro d’Inverno che presenta “Il Gatto dagli Stivali” ispirato alla famosissima fiaba di Charles Perrault con Antonello Foddis, Giuseppe Caragliu e Giuseppe Ligios che ha curato anche la regia. Nella trasposizione teatrale proposta dal Teatro d’Inverno, la storia del povero figlio del mugnaio lasciato alla morte del genitore senza alcuna eredità al di fuori di un gatto ed un paio di vecchi stivali, prenderà una direzione parallela a quella della storia originale, ma con riferimenti e citazioni che si rivolgono anche al pubblico più adulto. Mentre nella versione originale la bella presenza e i vestiti eleganti sono sufficienti perché un Re conceda in sposa, fin troppo facilmente, la propria figlia ad un emerito sconosciuto, questa trasposizione fa a meno di principesse da immolare preferendo lasciare spazio alla storia di due avventurieri e un Sovrano meno ingenuo di quanto si possa credere.

Il Festival “Teatro Per Famiglie 2023” è organizzato dall’Associazione Culturale Palazzo d’Inverno con il contributo  dell’Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna, del Mic/ Ministero della Cultura, della Fondazione di Sardegna e in collaborazione con il Consorzio Turistico Due Giare.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap